sabato 5 febbraio 2022

ENERGUMENI SENZA DIGNITA' DAVANTI AI RAGAZZI DI UNA SCUOLA : " I VOSTRI GENITORI VI UCCIDONO COL VACCINO "

 


Volantino distribuito da esseri ignobili 

MILANO -Hanno fermato dei ragazzini minorenni per 'convertirli' alle loro folli teorie no vax. L'episodio nei giorni scorsi davanti all'Istituto comprensivo 'De Andreis' nella via omonima, zona Forlanini, est di Milano. 

Una decina di persone ha messo in scena un presidio appendendo manifesti con delle foto di presunte vittime dei vaccini. Non solo, i presenti si sono spinti oltre fermando i minori per dirgli falsità come "il vaccino fa male" e, addirittura, spaventandoli con frasi aghiaccianti sul fatto che i genitori a favore dei vaccini volessero ucciderli.

"16 motivi per dire no alle vaccinazioni pediatriche anti-covid", recitavano i volantini distribuiti dai no vax ai giovanissimi studenti, abituati a muoversi nella zona senza genitori.

 La denuncia arriva dai rappresentanti di classe e dai genitori della scuola, che hanno scritto una lettera al prefetto Renato Saccone e per conoscenza al sindaco Beppe Sala e all'assessore Marco Granelli. Perché, tra l'altro, i manifestanti hanno sostenuto che il loro presidi fosse autorizzato.

Sostengono i genitori che però i manifestanti non siano stati allontanati: "Le Forze dell’ordine presenti non sono intervenute a tutela dei minori, né per evitare che i manifestanti avvicinassero i bambini né per imporre loro l'obbligo della mascherina, pur in una situazione di assembramento.

 Consideriamo questi fatti gravissimi e le chiediamo di intervenire per far sì che un simile episodio non debba ripetersi mai più, non soltanto davanti alla nostra scuola, ma nei pressi di nessun’altra scuola sul nostro territorio. Inoltre, le chiediamo di accertare le eventuali responsabilità e di farci capire come è possibile che qualcuno abbia potuto avvicinare dei minorenni impunemente,minacciando la loro salute e trasmettendo loro messaggi terrorizzanti".

Nessun commento:

Posta un commento

LASCIA UN TUO COMMENTO