venerdì 21 luglio 2017

A MERCALLO ( VA ) BISOGNA FARE BOLLIRE L'ACQUA !

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

MAFIA CAPITALE ...SENZA MAFIA - DIMEZZATE LE PENE RICHIESTE .



Il tribunale di Roma ha condannato Salvatore Buzzi a 19 anni di reclusione al termine del processo a mafia capitale, 20 anni per Massimo Carminati, 11 per Luca Gramazio, ex capogruppo del Pdl in Comune. Cade l'accusa di associazione mafiosa per 19 imputati del processo a mafia capitale, tra cui i presunti capi Carminati e Buzzi. Per l'ex capo dell'assemblea Capitolina Mirko Coratti (Pd) la corte ha deciso una pena di 6 anni di reclusione. Luca Odevaine, ex responsabile del tavolo per i migranti, è stato condannato a 6 anni e 6 mesi. Undici anni per il presunto braccio destro di Carminati, Riccardo Brugia, 10 per l'ex Ad di Ama Franco Panzironi. L'ex minisindaco del municipio di Ostia, commissariato per infiltrazione mafiose, Andrea Tassone è stato condannato a 5 anni.

Pardon, ci siamo sbagliati: a Roma la mafia non esiste. Quella che fino al 2014 ha fatto affari (leciti e 'sporchi') con imprenditori collusi, con amministratori e politici complici, e con dirigenti d'azienda corrotti non era un'associazione di stampo mafioso

Dunque, niente 416 bis e neppure l'aggravante del metodo mafioso.

Un verdetto che, secondo alcuni osservatori, rischia di segnare da oggi il punto piu' buio dell' 'era Pignatone', il capo della Procura proveniente da Palermo, con un significativo passaggio a Reggio Calabria, che la mafia (quella che uccide, che pretende il 'pizzo' e che fa attentati) l'ha conosciuta bene e combattuta.


GLI AVVOCATI DIFENSORI, GLI IMPUTATI ESULTANO !

MA LA RAGGI HA CAPITO TUTTO !  E oggi è la vittoria dei cittadini, della società civile e della legalità sulla criminalità, sul malaffare e sulla vecchia politica". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi su Fb.---IL SOLITO DISCO ...SBAGLIATO !

KOS ( GRECIA ) TERREMOTO E TSUMANI

 © EPA

KOS (GRECIA), 21 LUG - Alcuni testimoni oculari sull'isola di Kos hanno visto il mare ''gonfiarsi'' dopo la scossa di terremoto di magnitudo 6.7 che nella notte ha provocato anche uno tsunami circoscritto. Le autorita' avevano avvertito in effetti della possibilita' di un piccolo maremoto dopo il sisma dell'1.30 della notte ora locale. L'acqua ha invaso una strada di fronte al mare e parte dell'abitato principale dell'isola, dove si trova anche la ''citta' vecchia''. Un'imbarcazione e' stata spinta sulla strada principale e diverse automobili si sono scontrate fra loro a causa dell'innalzamento del livello dell'acqua.

UNA AL GIORNO : LE CODE D'AUTO IN CITTA' CAUSANO SCHERZI POCO SIMPATICI

 Tutti dietro l’auto parcheggiata

Brescia, niente di nuovo a vedere una lunga fila di auto in coda, se non fosse che la prima auto era parcheggiata e ci son voluti dieci minuti prima che l’automobilista subito dietro se ne rendesse conto.
Il colorito vocabolario delle imprecazioni è stato esaurito in un batter d'occhio 

giovedì 20 luglio 2017

PRIMA IL NORD ...CHE FAVORISCE ILLECITAMENTE LE CASE FARMACEUTICHE



MILANO-Corruzione e truffa: indagati medici e dirigenti di Fatebenefratelli, Sacco e Buzzi a Milano
Avrebbero condizionato i concorsi pubblici per favorire l’assunzione di medici e paramedici “amici”. Avrebbero intascato soldi dalle case farmaceutiche per prescrivere i loro medicinali e per finanziare quelle stesse assunzioni. Il tutto in un perfetto - parole degli investigatori - “illecito e clientelare modus operandi” che aveva trovato terreno fertile in una delle Asst - agenzie socio sanitaria territoriale - di Milano. 
I carabinieri del Nas, al termine di una indagine partita nell’autunno del 2016, hanno indagato quattro persone - medici e funzionari - degli ospedali Fatebenefratelli, Buzzi e Sacco per le ipotesi di reato - a vario titolo - di corruzione, induzione indebita a dare o promettere denaro o altre utilità, abuso d’ufficio, truffa e riciclaggio. 
Gli stessi militari hanno eseguito ventinove perquisizioni tra Lombardia, Emilia Romagna, Lazio, Toscana e Sicilia e ventuno “ordini di esibizione di documentazione”, raccogliendo prove e atti. 


Potrebbe interessarti: http://www.milanotoday.it/cronaca/medici-indagati-asst.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/MilanoToday

SARDEGNA -MIGLIAIA DI PERSONE CONTRO I TAGLI ALLA SANITA' DELLA GIUNTA PIGLIARU



TEMPIO. Migliaia di persone, provenienti da diversi centri della Gallura e dell’isola, assieme ai loro sindaci, mamme con i lori bambini, gente di ogni età, amministratori e persino una rappresentanza di suore, hanno partecipato ieri sera in città all’imponente manifestazione di protesta contro la riforma sanitaria della giunta Pigliaru. Presenti anche le tante associazioni di volontariato e di lotta tempiesi e del territorio che da mesi si sono attivate a difesa del “Paolo Dettori” e che ieri, con slogan, striscioni, bandiere, strumenti musicali ed altro, si sono attivati per far sì che la protesta fosse ancora più imponente e il messaggio di protesta arrivasse forte alla giunta ed al consiglio regionale.

Accanto alla gente e all’amministrazione comunale tempiese e ai consiglieri delle due minoranze, anche tutti i sindaci dell’Unione dei comuni Alta Gallura con in testa Emiliano Deiana, presidente dell’Anci, che dal palco, dove poi è intervenuto a fine sfilata, ha usato parole durissime nei confronti di un «esecutivo regionale sordo ad ogni richiesta e incurante della comunità». ( La Nuova Sardegna )

48 MILIONI DI EURO IN LOMBARDIA ....ALTRETTANTI IN VENETO ...

Image
Pagine a pagamento sui giornali, mega tabelloni pubblicitari...
 Ci costerà 48 milioni di Euro per un referendum che avrà solo valore simbolico e nessun effetto pratico  perché la nostra Costituzione regola in maniera diversa la richiesta delle Regioni di maggiore autonomia  (art 116).  Tra l’organizzazione della consultazione,  la sperimentazione del voto elettronico e i costi di comunicazione Maroni e soci spenderanno 48 MILIONI DI EURO  Una spesa spropositata utile solo per l’imminente campagna elettorale del centrodestra.(c.C )

CHIUDONO REPARTI OSPEDALIERI (  es Gallarate ) per risparmiare e poi buttano via così i nostri soldi ,

ACQUA ;DUE MILIARDI DI PERSONE SENZA !



Tre persone su dieci nel mondo non hanno acqua potabile in casa, 6 su 10 non hanno accesso a servizi igienico sanitari. I dati possono cambiare forma, ma non sostanza.  Lo stesso scenario drammatico del nuovo Rapporto Oms-Unicef 2017 può essere descritto così: 2 miliardi di uomini donne e bambini non hanno la possibilità di bere acqua sicura dai rubinetti delle loro abitazioni, 4 miliardi di persone non hanno bagni degni di questo nome. 
«L’acqua pulita, l’igiene e i servizi sanitari nella propria casa - ha dichiarato  Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms -non dovrebbero essere un privilegio di chi è ricco o vive in centri urbani. Questi sono alcuni dei requisiti basilari per la salute umana e ogni paese deve assicurarsi di renderli accessibili». 

PRIMA IL NORD nella TRUFFA sulle piste ciclabili del Varesotto !

la pista ciclabile cuveglio - rancio valcuvia

LUINO ( VA ) . Mentre resta incompiuta da anni la ciclopedonale del lago di Comabbio , oggi Varesenews ci informa che la guardia di finanza di Luino ha concluso le indagini su 18 persone accusate di reati ai danni dello Stato quali Falso ideologico, truffa aggravata, abuso d’ufficio.

Fondi che la Regione ha erogato, ma che, secondo quanto ricostruito dalla Guardia di finanza di Luino non sono stati spesi, con opere inesistenti o inservibili perché incompiute.
Le investigazioni svolte dalle Fiamme Gialle Luinesi hanno permesso di accertare che, nell’ambito dei tre appalti esaminati, per un valore complessivo di € 2.300.000, molte opere non erano state realizzate o comunque non erano funzionanti, nonostante il termine dei lavori fosse ormai scaduto da tempo. Tuttavia, allo scopo di percepire ugualmente i contributi regionali, pubblici funzionari, progettisti, direttori dei lavori ed imprese, attestavano falsamente come regolari i lavori eseguiti e le forniture ricevute, causando un danno erariale di rilevante gravità.
Le indagini della Finanza hanno riguardato gli amministratori dei tre enti locali – due Comuni e un ente sovracomunale – che non avendo realizzato in parte quanto previsto dal bando al quale hanno partecipato e vinto, ottenendo punteggi che hanno permesso loro di aggiudicarsi i cospicui finanziamenti a scapito di altri enti locali partecipanti, avrebbero ricevuto illecitamente dalla Regione Lombardia, soggetto danneggiato, oltre 1.380.000 € di contributi pubblici.

PRIMA DI PAGARE QUESTA GENTE ED I LORO PORTABORSE CON I NOSTRI SOLDI MANDATELI ALLA SCUOLA DELL'OBBLIGO !

Gaffe Di Battista sulla Costituzione e il Pd attacca: Studia, asino

Bella concorrenza nell'ignoranza , Di Maio, oltre fare a pugni con l'italiano inanella una serie di strafalcioni : "Pinochet era venezuelano ", "l'Italia importa il 40 % dei criminali romeni ", "l'avvocato on Boneschi ( cui non sarebbe stato degno nemmeno di lucidare le scarpe ) percepisce un vitalizio  di 3000-....ma è morto da quasi  un anno .".....

DI Battista a Piazza Pulita :"Mi state dicendo che mi dovrei vergognare a difendere la Costituzione del boom economico o la Costituzione approvata a suffragio universale nel 1948 ?".
Una bella dimostrazione di ignoranza, dato che come tutti (ma soprattutto i parlamentari) dovrebbero sapere, la Carta costituzionale venne approvata dall'Assemblea Costituente(eletta, quella sì, a suffragio universale ovvero col voto del popolo ), ma nel 1946) il 22 dicembre 1947, pubblicata in Gazzetta Ufficiale cinque giorni dopo ed entrata in vigore dal 1 gennaio del 1948.
Qualcosa che dovrebbero ricordare tutti gli italiani e in particolare chi è chiamato a rappresentarli.
E' di questi giorni il suo intervento in Parlamento dove convintamente ha proclamato che : 
 “Macron, un novello Napoleone. Almeno quello combatteva ad Auschwitz” 
Peccato che Napoleone  sia arrivato......più di un secolo prima .....dopo che i tedeschi avevano già sterminato ebrei , omosessuali, zingari :milioni di esseri umani .


UNA AL GIORNO -CAPITO MI HAI ?

 Ecco!

Con la risoluzione n. 33 pubblicata ufficialmente , l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo 6870 per: “L’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d’imposta derivante dall’abolizione dell’imposta di fabbricazione sui fiammiferi.”

mercoledì 19 luglio 2017

VIOLENZA IN VATICANO :GENDARME MASSACRA RIPETUTAMENTE LA MOGLIE

Choc in Vaticano, gendarme del Papa massacra la moglie

CITTA' DEL VATICANO -Un gendarme pontificio, selezionato dalla Santa Sede per doti morali e capacità di controllo sulle situazioni più impegnative, è indagato per le violenze fisiche, psicologhe e morali sulla moglie, una giornalista che lavora nella redazione della emittente dei vescovi, Tv2000. Il fascicolo in mano ai magistrati romani non lascia spazio all'immaginazione, descrivendo l'inferno domestico che per anni ha costretto la ragazza a subire in silenzio, cercando di nascondere i lividi sul corpo, simulando all'esterno una felicità coniugale che evidentemente non esisteva più da tempo.

Aggressioni «per futili motivi». Capitava, per esempio, che il gendarme la «strattonasse, spintonasse colpendola con schiaffi, pugni cagionandole lesioni», minacciandola anche di morte. Oppure offendendola. «Sei una donna di m....» In preda alla furia, durante le liti, capitava che il gendarme distruggesse tutto quello che gli capitava a tiro. Una volta arrivò a minacciare la moglie con un martello. Ti fracasso il cranio. «Le porte degli armadi spaccate, così come il mobilio, oggetti vari distrutti». Un'altra volta le ha sbattuto la testa contro la libreria fino a provocarle diverse lesioni. Vengono poi citati gli episodi particolarmente gravi, fino a che la ragazza non ha deciso di parlare, di andare a presentare una denuncia. L'ultima lite furibonda, degenerata come al solito, è stata a marzo.

ANESTESISTA DONNA : RIFIUTA L'OPERAZIONE !



SAVONA -L’episodio è avvenuto qualche giorno fa all’ospedale San Paolo, protagonista un paziente settantenne savonese che doveva essere operato per un’ernia inguinale.
Era dunque tutto pronto quando ecco il colpo di scena. Ecco il settantenne chiedere al chirurgo che era andato nella sua stanza a salutarlo, a dirgli ci siamo, è arrivato il momento, a incoraggiarlo, eccolo dunque chiedergli: «Scusi ma chi è l’anestesista?». Il medico non si è sorpreso più di tanto della domanda. Semmai è stata la reazione del paziente a lasciarlo di stucco. Quel no perentorio, quando ha saputo che nello staff l’anestesista era una dottoressa. «Non mi opero firmo e torno a casa» è stata la sua risposta. «Ma perché?» Gli hanno chiesto prima il chirurgo e poi l’anestesista che hanno cercato di fargli cambiare idea. «Nulla di personale ci mancherebbe - hanno spiegato moglie e marito all’unisono -. Ma in giro dicono che le anestesiste del San Paolo non sono brave»». Punto. «E in base a quale criterio non lo sarebbero? - hanno provato i sanitari a fare ragionare i due coniugi - Solo in base a voci senza alcun fondamento?».

I RAZZISTI DI CASA NOSTRA NON RISPETTANO NEPPURE LA MORTE DI UN RAGAZZINO

 Morte di un dodicenne pachistano nel canale Luzzara .


Così scrive LA GAZZETTA DI REGGIO

Abbiamo deciso di riproporre il commento. Perché è uno degli esempi più ricorrenti della disumanità che scorre nelle vene di questo mondo.
Siccome a me non piace giocare a nascondino ho scritto via Messanger al signor Mugnai. Niente risposte. Allora l’ho cercato sulle pagine bianche. Trovato.

Il 37enne, appena udito “giornale”, e sentito domandare “che ha scritto?”, “perché?”, ha dismesso tutta la iattanza che carbura troppi e tanti utenti dei social. Il leone da tastiera si rivela un uomo all’angolo.

Le sue risposte sono un sospiro, una deglutizione, uno spaesamento.

Il caso è il riverbero di tutti coloro che ciattano genericamente contro stranieri, neri, invasioni, le cosiddette risorse, scambiando la fine di esseri umani con la fine di un fenomeno migratorio. Scambiano le battute mortifere ad effetto per una hit di chi le digita più grosse.


( La gazzetta di reggio )

OSPEDALE CIRCOLO DI VARESE : I BRAVI MEDICI SE NE VANNO TRA L'INDIFFERENZA DI CHI DIRIGE

ospedale varese

La notizia del probabile trasferimento del primario della Chirurgia 1 di Varese, prof. Gianlorenzo Dionigi, ha fatto scattare l’allarme tra parenti e pazienti di lunga data degli ospedali varesini. Molti i medici che hanno lasciato la città recentemente: dal professor Boni, al prof. La Rosa, al prof. Caraffiello, al dottor Bordoni ( la cui specialità a Varese , la proctologia, è stata chiusa e concentrata a Cittiglio). Incomprensibile ai non addetti anche la scelta del professor Paolo Castelnuovo, stimato professionista in tutto il mondo, di non proseguire nella direzione del Dipartimento di Chirurgie specialistiche dell’Asst.
Riceviamo e pubblichiamo il preoccupato sfogo di un padre

Ai cittadini di Varese e Provincia.
Mi chiamo Giorgio Arca e sono un frequentatore dell’Ospedale Del Ponte e di Circolo ormai da 30 annia causa della patologia rarissima di mio figlio Federico (trisomia parziale cromosoma 22).
Scrivo perché come gruppo genitori frequentatori dell’ospedale, siamo stufi di vedere che le nostre eccellenze di Varese vengono continuamente messe in condizioni di andare via, privandoci della loro grande competenza professionale, come è appena avvenuto per il prof. Boni, costretto a migrare altrove, come lui stesso ha dichiarato, e per altri imperdibili medici negli ultimi mesi.

UNA AL GIORNO :LOTTA DURA ...PER LA LETTURA !

Immagine Articolo

Salite sul tram e all’improvviso un passeggero inizia a leggere un libro a voce alta, poi un’altra passeggera continua con un altro pezzo. E’ la “Guerrilla Reading” organizzata sabato 25 marzo a Milano sul tram 1 da un gruppo di appassionati lettori della Biblioteca Crescenzago. L’azione è durata in tutto un paio d’ore e ha riscosso molto successo, tra applausi e, magia, persone che alzavano la testa dagli smartphone per ascoltare

martedì 18 luglio 2017

700.000 ( SETTECENTOMILA ) PROFESSORI IN CERCA DI UNA SUPPLENZA !

700mila prof in cerca di supplenze, il sito del Miur va in tilt

8.000 domande all'ora, oltre 700mila accessi in pochi minuti. Tanto è bastato al sito del ministero dell'Istruzione per andare in tilt e impedire a migliaia di docenti di compilare il cosiddetto modello B, ossia il modulo che consente all'insegnante supplente di indicare la scelta delle 10 o 20 scuole della provincia in cui intende fare supplenza nei prossimi tre anni                                                              Susanna  Camusso: "Abbiano di fronte due dati: uno è il bisogno di lavoro e il fatto che ad ogni occasione di lavoro si presentino numeri impressionanti. L'altro è che dopo tutti gli annunci sul fatto che la buona scuola avrebbe risolto tutti i problemi, nella scuola abbiamo gli stessi problemi di prima". "Il Ministero - ha detto - non ha dato buona prova di sé già nella fase delle assegnazioni e dell'invenzione degli algoritmi che hanno creato grandi problemi. Speriamo non si torni ad una condizione in cui viene messa a rischio la partenza dell'anno scolastico e non vengono date risposte strutturali gli insegnanti".

CICLOPEDONALI IN PROVINCIA DI VARESE E SITUAZIONE A MERCALLO !

http://www.varesenews.it/2017/07/lo-studio-della-provincia-25-milioni-per-le-ciclabili-tra-varese-e-ticino/638955/

la pista ciclabile cuveglio - rancio valcuvia

 PODISTI E CICLISTI SULLA CICLOPEDONALE INCOMPIUTA DEL LAGO DI COMABBIO
Come avviene da anni domenica 22 attorno al lago di Comabbio si correrà “ RUN FOR PARKINSON “, corsa non competitiva organizzata dalle associazioni impegnate nella lotta contro il Parkinson .
Purtroppo, al di là dei piccoli interventi che potranno eseguire gli organizzatori , ancora una volta “ la bella incompiuta “ sarà costretta a mostrare tutta la trascuratezza di chi avrebbe il dovere di occuparsi di lei .
Infatti  permane l’assenza della stessa a Mercallo ,nel tratto che va dal semaforo al  lago per cui ciclisti e pedoni sono costretti a transitare in compagnia di auto e moto  non sempre rispettosi del codice stradale .
La precedente amministrazione provinciale ha avuto il merito di realizzare 12,3 chilometri di ciclopedonale , dimenticandosi di dei 300 metri mercallesi .
Per un certo periodo erano due i tratti misti auto / pedoni : uno a Corgeno di Vergiate e l’altro a Mercallo .

IL CORPO FORESTALE DELLO STATO NON ESISTE PIU' ,GLI INCENDI SI MOLTIPLICANO !

Coat of Arms of the State Forestry Corps.svg
Con la cosiddetta riforma Madia ,il governo Renzi ha abolito il Corpo Forestale dello Stato , mentre gli incendi boschivi stanno distruggendo i boschi di mezza Italia .
Col Corpo forestale ci sarebbe stata più vigilanza e più interventi preventivi : cosa che manca in questi giorni .Ed i risultati nefasti si vedono con distruzioni e vittime umane .

"Serve la proclamazione da parte del governo lo Stato di emergenza nazionale perché davanti ad un disastro di portata straordinaria ci sia una risposta ed un impegno altrettanto straordinario": e la richiesta principale avanzata da Sinistra Italiana sulla emergenza incendi" nel corso di una conferenza stampa alla Camera.
    L'ondata di incendi che sta devastando il centro-sud Italia è "una catastrofe annunciata" che il governo "ha preso sotto gamba" hanno spiegato i capigruppo di Camera e Senato Giulio Marcon e Loredana De Petris. In particolare le critiche di SI si sono appuntate sulla riforma Madia che ha cancellato la Forestale. "Qualcuno deve scusarsi per questa non riforma".

PROFESSORE AMMALATO AL NORD , AVVOCATO AL SUD -ARRESTATO !



Professore colleziona 1.500 assenze in cinque anni, faceva l'avvocato in Calabria: arrestato
È stato arrestato dai militari della guardia di finanza. Nei guai A.M., professore di 55 anni, ex docente dell'Istituto Superiore di Codogno e dell’Istituto Merli - Villa Igea di Lodi.

Professore colleziona 1.500 assenze in cinque anni, faceva l'avvocato in Calabria: arrestato
Professore in una scuola superiore, avvocato in Calabria. In cinque anni ha totalizzato 1.500 assenze, giorni che avrebbe trascorso lavorando nei tribunali del Sud Italia.
Professore colleziona 1.500 assenze in cinque anni, faceva l'avvocato in Calabria: arrestato
Durante le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Lodi, è emerso come il 55 enne avrebbe partecipato a circa 250 udienze presso il Tribunale di Vibo Valentia, a 123 udienze presso il Giudice di Pace dello stesso luogo e altre tre presso il T.A.R. di Catanzaro, tutto durante i periodi in cui risultava assente per malattia, assistenza a familiare e aspettativa.

Potrebbe interessarti: http://www.milanotoday.it/cronaca/professore-assenze.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/MilanoToday


Potrebbe interessarti: http://www.milanotoday.it/cronaca/professore-assenze.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/MilanoToday