sabato 22 febbraio 2020

SECONDA VITTIMA DA VIRUS



Seconda vittima italiana del Coronavirus: si tratta di una donna anziana residente a Casalpusterlengo, secondo quanto si apprende da fonti qualificate della cittadina del Lodigiano. Secondo quanto si apprende, la signora, ultrasettantenne, era debilitata da una polmonite e sarebbe stata in attesa dei risultati degli esami a cui era stata sottoposta.

NEGATIVO IL TESTA DELLA DONNA RICOVERATA A PIACENZA E COLLEGA DEL PRIMO POSITIVO

coronavirus contagio italia lombardia casi

PIACENZA-È risultata negativa al Coronavirus la paziente ricoverata questa mattina nel reparto di Malattie Infettive dell'Ospedale di Piacenza, collega del primo paziente risultato positivo, dipendente dell'Unilever di Lodi. Lo comunica la Regione Emilia Romagna spiegando che "il tampone, analizzato presso il laboratorio di riferimento regionale del Sant'Orsola di Bologna, ha confermato infatti che la donna non ha contratto il virus".
È il secondo test negativo dopo quello del dipendente della Mae spa di Fiorenzuola d'Arda (Piacenza), attualmente isolato all'ospedale Sacco di Milano. Nonostante l'esito negativo che attesta l'assenza di infettività, "secondo il principio della massima precauzione, sono in corso ulteriori ricerche per capire se il paziente può essere risultato infetti nei giorni passati", precisa la Regione.
Resta intanto in isolamento domiciliare volontario l'infermiere triagista piacentino che ha accolto il primo paziente colpito, al pronto soccorso di Codogno (Lodi): vive solo e, benché asintomatico, gli è stato eseguito il tampone. La sanità pubblica della Regione Emilia -Romagna , in via precauzionale, ha già contattato 70 dipendenti della Mae spa per i quali è ritenuta necessaria un'ulteriore verifica perché valutati potenzialmente a rischio.

TEST POSITIVI NELL'OSPEDALE VENETO DELLA PRIMA VITTIMA



PADOVA, 22 FEB - Vi sarebbero alcuni test positivi tra i tamponi già effettuati all'interno dell'ospedale di Schiavonia (Padova), dove è deceduto Adriano Trevisan, prima vittima italiana del virus. Lo apprende l'ANSA da fonti qualificate. La certezza della positività, in un campione non piccolo di pazienti, si potrà tuttavia avere solo in giornata dalle fonti sanitarie della Regione. Nell'ospedale è previsto siano sottoposti ai test circa 600 persone ( Ansa )

Strage nazista di Hanau : investiamo sui giovani per sconfiggere il nazismo - Dal sindaco di Sant'anna di Stazzena

Anagrafe Nazionale Antifascista

Hanau, città di 90.000 abitanti situata nel Land dell’Assia in Germania, ad una ventina di chilometri da Francoforte, è stata teatro di un’efferata strage di matrice neonazista e razzista.
Siamo nel 2020, a 75 anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. In questi giorni, 75 anni fa, le truppe sovietiche ed alleate mostravano al mondo l’Orrore dei campi di concentramento.
Siamo nel 2020 ma il mostro è sempre tra di noi. Il 20 febbraio, due giorni fa, la follia nazista e razzista di un uomo di 43 anni, il cui nome non merita di essere consegnato alla storia ma deve essere conosciuto, Tobias Rathien, ha ucciso nove persone, sua madre e si è tolto la vita.
Innocenti che si trovavano in tre locali, uccisi a colpi di pistola da un’ideologia che sembrava sconfitta dalla storia ma che, invece, è sempre in mezzo a noi.
La tocchiamo con mano con le stragi o con i fatti di cronaca: nel 2018 in Germania sono stati registrati 20.400 reati riconducibili all’estremismo di destra, di cui 938 reati violenti, e 821 crimini prettamente xenofobi (fonte: Corriere della Sera).
L’ideologia nazista e fascista è in mezzo a noi, ma facciamo finta di non vedere.
Negli stadi, striscioni e cori razzisti, in diversi casi inneggianti al Nazismo. Accade anche in Italia dove ci sono tifoserie che incitano i propri calciatori gridando “Siamo una squadra fatta a svastica”. Sui social, con centinaia di gruppi e profili che esaltano fascismo e nazismo, nelle rievocazioni, dove si fa ancora il saluto romano, nella violenza verbale di politici nazionali.

CORONA VIRUS , LEGHISTI SENZA PUDORE !



Quando scoppio il virus in Cina il ministro della salute Speranza adotto provvedimenti importanti quali l'interruzione dei collegamenti aerei con la Cina -Unico in Europa . Ci fu la pubblicità dei presidenti delle regioni a guida lega che chiedevano al governo una legge che mettesse in quarantena obbligatoria i cinesi di ritorno in Italia - In alcune parti d'Italia i cretini idioti hanno iniziato le intimidazioni ai cinesi . Il capo della lega ( quello che che è stato apostrofato FANNULLONE  a Bruxelles ) ha dichiarato che denuncerà il presidente della regione Toscana perchè non ha emesso un ordine di quarantena per i cinesi di ritorno . Dove comandano i leghisti la legge deve farla il governo Conte , dove non comandano la legge deve emanarla il presidente della regione .
La tragica realtà è più dura della vegognosa propaganda leghista . I primi contagi proprio dove comanda la Lega : Lombardia e Veneto - IL primo morto dove comanda la Lega :Veneto .
Non osiamo immaginare la canea propagandista della lega se i primi contagi fossero avvenuti a Napoli ed il primo morto in Puglia -

MORTO DA CORONAVIRUS IN VENETO !

Coronavirus, la riunione alla Protezione civile © ANSA  UNITA' DI CRISI CON CONTE

VO EUGANEO ( Padova ) - Primo morto in Italia è un abitante veneto di 77 anni .E' deceduto all'ospedale di Padova, dove era ricoverato insieme con un'altra persona positiva al virus. Ex titolare di una piccola impresa edile, Trevisan aveva tre figli, una delle quali, Vanessa, era stata sindaco di Vo' Euganeo di dove sono originari.
L'uomo, ricoverato già da una decina di giorni per precedenti patologie, è spirato all'ospedale di Schiavonia (Padova).
Gli italiani al momento positivi al virus sono 16 in Lombardia e uno in Veneto ( il secondo è deceduto )

venerdì 21 febbraio 2020

POLIZIOTTA "RISPETTOSA "DELLE ISTITUZIONE INSULTA SU FB CAROLA RACKETE ED I GIUDICI !



GROSSETO -Proprio ieri la Corte di Cassazione ha depositato le motivazioni che scagionano Carola Rackete .
E proprio riprendendo un articolo che riporta la notizia, nel post apparso sul profilo della poliziotta grossetana  Rakete è apostrofata con appellativi offensivi: "zecca comunista", "povera stronza", "t***". 
E riferendosi a chi ha accolto favorevolmente la sentenza :È inutile che vi sforziate di dare dignità a questa lurida zecca di sinistra per avere visibilità: è solo una terrorista che farà la fine che merita e voialtri siete una pletora di mummie, completamente decontestualizzate dalla vita reale, talmente adusi a spaccare il capello in 4 da dimenticare pure di che cosa state parlando"
La questura ha divulgato in proposito una nota: "Quest’Ufficio sta verificando la sua effettiva riferibilità al dipendente di questa Amministrazione. In caso di esito positivo, verranno presi tutti i provvedimenti del caso".

 Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana-Leu: "Se sono state  scritte come sembra da un'appartenente alla polizia di Stato della Questura di Grosseto non ci sono dubbi, anche perché la circolare del Capo della Polizia è netta e chiara: non può svolgere le delicate funzioni che la Repubblica affida ai tutori della legalità e delle leggi". "Non ci accontenteremo di parole di circostanza, vogliamo sapere - conclude l'esponente di Leu - quali provvedimenti verranno assunti nei confronti di una persona che non può certo rappresentare lo Stato e difendere i valori della nostra Costituzione".


CORONAVIRUS IN VENETO ; 2 CASI !"

Coronavirus: primi due casi di contagio in Veneto. ​Due pazienti positivi al test a Padova

Ultime notizie sul Gazzettino.it. 

Primi due casi accertati di contagio da Coronavirus a Padova: si tratta di due pazienti, entrambi anziani, risultati positivi al test effettuato nella città del Santo. I pazienti hanno rispettivamente 78 e 67 anni. Sono ricoverati nel reparto Malattie Infettive dell'Azienda Ospedaliera della città, sono isolati. Uno dei due è in terapia intensiva in condizioni critiche.
I tamponi, già risultati positivi, sono stati inviati per riscontri all'Istituto Spallanzani di Roma: si attendono quindi gli esiti dei secondi test, ma l'allerta è alta. E' in corso la mappatura di tutti gli spostamenti e i contatti avuti dai due contagiati.

14 CASI DI CORONAVIRUS IN LOMBARDIA - 10 COMUNI IN QUARANTENA

Salgono a quattordici i casi di coronavirus in Lombardia

  • Quattordici casi di coronavirus in Lombardia, tra i quali cinque medici.
  • Un trentottenne, Mattia (iniziali M.Y.M) è ricoverato in gravi condizioni in terapia intensiva all'ospedale di Codogno, in provincia di Lodi.
  • La positività del test è stata confermata dall'Istituto superiore di Sanità
  • La moglie, insegnante e incinta di 8 mesi, è ricoverata all'ospedale Sacco di Milano.
  • Al Sacco è ricoverato anche un conoscente della coppia.
  • A Codogno sono stati chiusi il pronto soccorso e tutti gli ambulatori e disposti una serie di accertamenti diagnostici su tutti i pazienti e il personale.
  • Una sessantina di persone che hanno avuto contatti sono state individuate e sottoposte a tamponi e quarantena.
Primi quattordici contagi da coronavirus in Lombardia. I primi casi riguardano un 38enne di Codogno, ma nato a Castiglione d'Adda, in provincia di Lodi, risultato positivo al test. Sarebbe in condizioni "gravissime". Infetta anche sua moglie - che è incinta all'ottavo mese - ricoverata in isolamento all'ospedale Sacco di Milano. Tra gli altri casi, cinque si contano sul personale sanitario.

AL " CIRCOLO DI ONEDA " di SESTO CALENDE SI MANGIA ....

Nessuna descrizione della foto disponibile.

AUMENTANO A 6 I CONTAGIATI IN LOMBARDIA - NON CASI ITALIANI IN RESTO ITALIA



LODI -Le sei persone risultate positive al coronavirus in Lombardia "sono in condizioni serie".  I malati sono tutti adulti, intorno ai 40 anni. Si tratta di un uomo di 38 anni dipendente della Unilever di Lodi, ricoverato in terapia intensiva all'ospedale di Codogno. Le sue condizioni sono leggermente migliorate rispetto a ieri sera, quando si è presentato al Pronto soccorso.
L'uomo, nelle settimane scorse, sarebbe andato a cena con un collega tornato dalla Cina,  Positiva anche la moglie, un'insegnante incinta e al momento in maternità. Una terza persona che avrebbe avuto contatti con il 38enne, per aver fatto sport con lui, si è presentata spontaneamente in ospedale con sintomi di polmonite. Altre tre persone sono ricoverate con quadro clinico di polmonite all'ospedale di Codogno. Il collega rientrato dalla Cina è stato accompagnato all'ospedale Sacco di Milano dove si trova in isolamento ed è risultato negativo ad un primo test per il coronavirus.
Secondo il virologo Giorgio Palù dell'università di Padova è possibile essere negativi al test anche dopo avere avuto un'infezione da coronavirus SarsCoV2. .
 i cittadini di Castiglione d'Adda, Codogno e Casalpusterlengo, a scopo precauzionale, a rimanere a casa "in quarentena volontaria"

BUON GIORNO con GIANNI RODARI

Risultato immagini per GIANNI RODARI FILASTROCCHE

ARRESTATI RAZZISTI DELINQUENTI ...E PURE LADRI !

Aggressione selvaggia a sfondo razziale a gruppo di bengalesi, arresti

PALERMO -Sono stati arrestati un gruppo di delinquenti razzisti che qualche mese fa erano entrati in un piccolo supermercato gestito da bengalesi ed avevano aggredito proprietari , avventori - Poco prima dell'ingresso avevano insultato ed inseguito un bengalese per pura mentalità razzista -Il giovane si era rifugiato nel supermercato e i delinquenti erano entrati con mazze e spranghe picchiando e seminano il panico . Avevano pure rubato un anello ad una signora - Il tutto condito da frasi tipiche del razzismo italiano .

IN LOMBARDIA PRIMO CASO DI CORONAVIRUS



LODI - Le agenzie di stampa hanno tutte battuto la notizie della presenza in Lombardia del primo caso conclamato di coronavirus , a Codogno , provincia di Lodi , alle porte di Milano .
L'uomo, un italiano, si è presentato al Pronto Soccorso con febbre e difficoltà respiratorie - Ricoverato in terapia intensiva . 
Il primo provvedimento preso dalle autorità ha riguardato la chiusura degli accessi al Pronto Soccorso dell'ospedale di Codogno, così come l'interruzione delle attività programmate, a livello cautelativo.
Anche le persone che sono state a contatto con il paziente sono in fase di individuazione e saranno sottoposte a controlli specifici e alle misure necessarie.
Il paziente non è stato in Cina di recente .

UNA AL GIORNO - FATTORIA CASALINGA PENSANDO AL FUTURO

 Un supplì di tarme

Con i cambiamenti climatici e con la voracità dell'uomo le risorse della terra diminuiscono in continuazione - Ultimo esempio è il caldo di questi giorni che ha fatto fiorire alberi da frutta un mese prima e che difficilmente produrranno frutta in quanto c'è ancora tempo per una gelata .
Il problema delle api che escono dalle arnie anzitempo ...
Qualcuno ha pensato al futuro inventando una specie di fattoria casalinga .
Si chiama Livin Farms Hive ed è un dispositivo che consente di allevare e far crescere una colonia di tarme edibili in poco spazio e consumando poche risorse, così da avere a disposizione una fonte di proteine “ecologiche”.


giovedì 20 febbraio 2020

CONTI CORRENTI PROSCIUGATI DA MALVIVENTI ESPERTI IN INFORMATICA

Risultato immagini per banca intesa

BUSTO ARSIZIO -( Varese ) - Il giornale Malpensa24 informa che oggi i commissariati di Busto Arsizio e Gallarate hanno dovuto fronteggiare la fila di persone truffate da malviventi esperti in informatica - Le banche violate sono BancaIntesa - Unicredit e Bnl - Con vari stratagemmi i delinquenti sono riusciti a dirottare soldi dei correntisti su conti correnti dei truffatori - Metodo molto sofisticato - Il correntista riceveva una mail dalla banca ( finta ) ove si invitava a aggiornare i dati personali - Il gioco era fatto -  Il fatto rivelerebbe una falla aperta dai truffatori informatici nei data base degli istituti bancari. L’appello è sempre lo stesso: mai rispondere a mail o messaggi che invitano a fornire le proprie credenziali anche se assolutamente credibili nella veste di corrispondenza con la propria banca.

CASO RACKETE : CASSAZIONE SBUGIARDA CAPITAN CONOGLIO E LA CRICCA CHE LO SOSTIENE



ROMA - Correttamente in base alle disposizioni sul "salvataggio in mare", la comandante della Sea Wacht Carola Rackete è entrata nel porto di Lampedusa perché "l'obbligo di prestare soccorso non si esaurisce nell'atto di sottrarre i naufraghi al pericolo di perdersi in mare, ma comporta l'obbligo accessorio e conseguente di sbarcarli in un luogo sicuro" . Lo afferma la Cassazione nelle motivazioni depositate oggi di conferma del 'no' all'arresto di Rackete con l'accusa di aver forzato il blocco navale della motovedetta della Gdf per impedirle l'accesso al porto.
    Secondo gli ermellini legittimamente è stata esclusa la natura di nave da guerra della motovedetta perché al comando non c'era un ufficiale della Marina militare, come prescrivono le norme, ma un maresciallo delle Fiamme Gialle. Dunque Rackete ha agito in maniera "giustificata" dal rischio di pericolo per le vite dei migranti a bordo della sua nave.

QUELLO CHE SI " GASAVA " DAVANTI A MARCHIONNE E POI SI FACEVA FOTOGRAFARE SOTTO IL QUADRO DI ENRICO BERLINGUER

Nessuna descrizione della foto disponibile.

I RAGAZZI DOWN DELLA " Locanda dei girasoli " RINGRAZIANO il presidente dell Regione Lazio NICOLA ZINGARETTI

 © ANSA

ROMA -AGGIORNAMENTO PETIZIONE CHANGE-ORG  CHE ABBIAMO FIRMATO -

Grazie Presidente!!

Carlo Tagliabue
Roma, Italia
19 FEB 2020 — 
Gentile Presidente Nicola ,Zingaretti,
La ringrazio sentitamente per l'interessamento dimostrato a nome di tutti i genitori dei nostri ragazzi " girasoli". Da genitore di Anna e consigliere della Locanda dei Girasoli ero sconfortato dal non aver ricevuto valide risposte dalle "Istituzioni" per sostenere la nostra attività di integrazione lavorativa.
Quando il Presidente dell'ARSIAL Antonio Rosati, sollecitato da Lei a conoscerci meglio, ci ha comunicato " ...forse possiamo sostenervi noi Agenzia e voi sarete i nostri ambasciatori dell'eccellenza dei prodotti agricoli laziali...." ho subito pensato: " vedi, finalmente qualcuno si è accorto che i nostri figli sono davvero eccellenze di questa terra!!!..."
Noi lo sapevamo già. E con noi Ugo e Paolo, fantastici coordinatori dell'equipe della Locanda in questi anni. E con loro Maurizio, Linda, Safy, Mahmoud, Natasha, Moira, Rebecca, Giulia, Maddalena, Anna e tutti gli operatori del passato e del presente. E, non ultimi, Enzo e Stefania e tutta la squadra del Consorzio Sintesi. E' Questa l'occasione per ringraziarli tutti.
Quando Nanni e Sergio, genitori di Valerio, iniziarono questa avventura 20 anni fa, forse non pensavano che saremmo arrivati ad oggi...anche a voi grazie...
Ed ora all'appello per primi i dipendenti ARSIAL ( perché la gente semplice ha da insegnare cose grandi...) con una raccolta di 5000 euro ricavate da buone olive laziali frante e a noi donate. Ed ora la convenzione con l'Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l'innovazione dell'Agricoltura del Lazio.
E da oggi abbiamo una nuova prospettiva di futuro; e magari, se l'idea di un " Casale dei Girasoli" prenderà.vita, potremo dare una qualche risposta ai tanti genitori che ci chiedono aiuto per dare valore ai propri figli.
Noi, ancora una volta, ci metteremo tutta la nostra infinita pazienza di ricominciare...
GRAZIE, 
Carlo Tagliabue

IL TRAINI TEDESCO UCCIDE 11 PERSONE !

Risultato immagini per traini feritore lega  Traini candidato                                                                                                                                          Lega

GERMANIA -Traini aveva cercato di uccidere stranieri , ma li ha solo feriti , in Germania invece uno xenofobo razzista ne ha uccisi 11 .
La strage di Hanau, dove stanotte sono morte 11 persone e quattro sono rimaste ferite, è stata classificata come un "presunto atto di terrorismo" di matrice probabilmente "xenofoba" dagli inquirenti della Procura federale tedesca, che ha acquisito le indagini. È quello che ha confermato stamani il ministro dell'Interno dell'Assia, Peter Beuth, parlando nel parlamento regionale. A colpire è stato un tedesco di Hanau, sostenitore di teorie di destra estrema e spinto dall'odio per gli stranieri.

Stando alla Bild on line, in uno scritto ritrovato dagli inquirenti, lui stesso avrebbe rivendicato il massacro, affermando che alcuni popoli che non si possono più espellere dalla Germania vadano annientati. Tesi razziste e xenofobe sono inoltre contenute in una pagina su internet attribuita all'attentatore che aveva 43 anni e diffondeva in internet la sue teorie di destra radicale.