martedì 21 ottobre 2014

AMIANTO-ANTONIO DAL CIN ( ex finanziere ) SCRIVE AL COMANDO



Preg.mo Sig. Comandante Generale,
sono il Sig. Antonio Dal Cin, nato a Crema il 25.09.1969, e residente in Via Zara n. 10, Sabaudia (LT), e sono un finanziere in congedo per riforma in seguito ad insorgenza di patologia asbesto correlata di origine professionale, avendo prestato servizio per lunghi anni in esposizione a polveri e fibre di amianto, in assenza di strumenti di prevenzione tecnica e di protezione individuale.
Ho appreso dagli atti parlamentari, e in modo particolare dalla replica del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ma anche dalla mia quotidiana frequentazione, se non altro per via telematica e telefonica (le mie condizioni di salute non mi permettono altro perché avendo l’asbestosi debbo rimanere quasi tutta la giornata disteso sul letto per evitare tra l’altro che aumenti il ritmo del battito cardiaco, già oltre la soglia, e perché avverto dispnea, e soffocamento), che effettivamente anche grazie all’opera e all’impegno delle Superiori Gerarchie è in atto la bonifica delle caserme dalla presenza di amianto.
 Certo molte debbono essere ancora bonificate ma almeno si è iniziato a farlo, in modo costante e deciso e di questo La ringrazio, in modo che quando lascerò questa vita, purtroppo assai presto, per quello che mi dicono i sanitari, almeno potrò dire che la mia morte potrà servire a qualche cosa.
La lucida consapevolezza della mia fine, che come dicono i sanitari arriverà per arresto cardiocircolatorio (infatti l’asbestosi ha determinato seri problemi di funzionalità cardiaca, e non a caso l’art. 4 della l. 780/75, per i dipendenti privati sancisce la indennizzabilità anche delle patologie cardiocircolatorie per coloro che sono affetti da asbestosi), e la tragedia legata al fatto che ho tre figli, di cui gli ultimi due in tenera età, Anna di sette anni e Matteo di 17 mesi, che purtroppo rimarranno solo con la madre e cioè con mia moglie che peraltro è affetta da Sclerosi Multipla e Morbo di Basedow, non mi impedisce di mantenere quella saldezza e quella speranza, e anche quella forza che mi ha infuso il servizio, che ho prestato nella Guardia di Finanza per quasi un quarto di secolo.
La imploro dunque di proseguire questa attività di bonifica e di decontaminazione delle Caserme ma Le chiedo pure di non lasciarci soli, di non lasciare soli i ragazzi che rimarranno orfani per il fatto che non siamo stati avvertiti della presenza del minerale killer e del fatto che bastassero poche fibre per contrarre il tumore.
Le dico solo che ho fatto servizio in caserme con presenza di amianto, che sono stato impiegato di servizio in luoghi dove giacevano, perché sequestrati, materiali di amianto, senza alcuna protezione. L’amianto era presente anche nelle camerate.
La prego dunque lo faccia per tutti quei miei colleghi che ancora non si sono ammalati e disponga che il Corpo glorioso della Guardia di Finanza disponga qualche mezzo di assistenza per gli orfani, specialmente i minorenni per il tempo successivo alla morte dei loro cari, per via delle patologie asbesto correlate e di altre patologie professionali che abbiamo contratto nello svolgimento del nostro dovere.
La ringrazio anticipatamente per l’attenzione che mi Vorrà dare, anche nel caso in cui ritenesse di non dover accogliere questa supplica, valga comunque con il segno della mia stima personale di tutti gli altri Colleghi malati di patologie asbesto correlate e dei familiari di quelli che sono deceduti, l’augurio di un buon lavoro.

Sabaudia, 15.10.2014.

UNA AL GIORNO-LEI NON PUO' PERCHE' ? PERCHE' NO !

Immagine Articolo

Anna Stoehr abita in una casa di riposo a Plainview, in Minnesota, ed è la persona più anziana iscritta a Facebook.
Ha 114 anni ma deve mentire sull’età perché il social network non accetta iscritti nati prima del 1905.
Così ha scritto una lettera di protesta a Zuckerberg, lettera che non ha ancora ricevuto risposta.
Per Anna sarà la battaglia della vita...
(Fonte: Repubblica.it)

lunedì 20 ottobre 2014

IL JAZZ DI RENATO BERTOSSI



Carissimi,
negli allegati troverete gli appuntamenti di questa quarta settimana di ottobre!!!

al CFM di Barasso per il
 67 JAZZ CLUB VARESE sarà di scena, venerdì 24/10 il CLAUDIO BORRONI QUARTET composto dal crooner Claudio Borroni con Bruno Lavizzari al piano, Luca Campioni al violino e Ivan Lombardi al contrabbasso. 
(vedere volantino 1)
Il concerto è annunciato per le ore 21,00, ma la segreteria per il tesseramento e la sottoscrizione degli abbonamenti è aperta dalle ore 20,00
L'Ingresso è Euro 10,00 - per i soci Euro 7,00


alla 
Bagatella Varese gli appuntamenti con la musica sono due: sabato 25 ottobre sarà di scena il MAURO'S TRIO composto da Mauro Brunini alla tromba e flicorno, Mauro Capitale ai sassofoni eLuca Dell'Anna al pianoforte. (vedere volantino 2) 
domenica 26 ottobre dalle 18,30 alle 21,00 si terrà l'elegante Aperitivo della Domenica (un aperitivo di classe che va sotto il nome di"All Around The Piano") con la musica garantita dal pianista di ottobre, Alessio Penzo, e il microfono aperto alle voci presenti (ottima riuscita delle prime tre domeniche!!!) (vedere volantino 3) 

Buona musica (JAZZ, naturalmente)

Renato Bertossi




CALO PREZZO MERCI, AUMENTO TASSE : ECCO LA SPIEGAZIONE



La diminuzione dei prezzi dovrebbe essere un buon segno per i consumatori ....se non fosse che...
Se non fosse che la diminuzione del prezzo delle patate, dell'insalata non significa aumento della produzione, ma diminuzione degli acquisti . Questa si chiama deflazione .
In realtà dietro la diminuzione del prezzo c'è tutto un sistema in sofferenza, dal produttore al consumatore, passando per i grossisti, i supermercati, i negozi...
Si rinuncia a riempire il carrello di frutta e verdura. Ci sono prodotti che presentano prezzi in calo sino al 15 per cento rispetto a un anno fa. Si va dai cavolfiori a meno 9,1 per cento sino al calo del 15,5 delle melanzane e al meno 4,6 delle fragole. 
La gente spende meno per gli alimenti vuoi per l'incertezza del posto di lavoro, vuoi per l'aumento delle tasse o tariffe:esempio lo smaltimento dei rifiuti che segnano un più 22,9 per cento o per il prezzo della benzina e del gasolio che, un anno fa erano rincarati tantissimo, nell’ordine del 18-21 per cento, e quest’anno calano di un nonnulla non compensando per nulla l’aumento di esborso. E questi costi pesano molto sui bilanci familiari .
E la TASI ?
E poi c'è l'aumento del costo del bene primario : la salute .
Analisi di sangue e urine che l’anno scorso erano saliti rispettivamente del 13,1 e 15,9 per cento e quest’anno non diminuiscono per niente.

MORTO SUL LAVORO ,AUTISTA DI BETONIERA

Fuori strada con la betoniera
​Autista muore schiacciato

GAGLIOLE -( Macerata ) Era appena uscito dal cementificio quando è finito fuoristrada rimanendo schiacciato nella cabina. La vittima è un autista di 44 anni di Cupra Marittima 
L'uomo aveva percorso un chilometro in direzione di Macerata quando il mezzo, carico di 300 quintali di cemento, è uscito di strada. Nulla da fare per lil camionista rimasto schiacciato nella cabina

MORTO SUL LAVORO : UN ALTRO !

La ditta al cui interno è avvenuta la disgrazia (Diennefoto)

FUMANE.( VERONA ) Incidente mortale sul lavoro. Ivano Gasparini, 52 anni, è rimasto schiacciato nella cabina della gru mentre manovrava per spostare un muletto all’interno dell’azienda «Marmi Rosa» in Valle dei progni. 

NON SI SA PIU' COSA INQUINARE !



Bruno Bozzetto

FEMMINICIDIO -STRANGOLA LA FIDANZATA



MILANO - La strage continua : donne uccise " per amore " o " per gelosia" , come scrivono i giornali .Ma la sostanza non cambia .
Un uomo di 42 anni, Gianluca Gerardo Maggioncalda, ha tolto la vita alla sua fidanzata, Sonia Trimboli, sua coetanea,strangolandola con l'elastico da portapacchi che usava per tenere legati insieme i due letti in camera. In pieno centro a Milano, in via della Commenda 28.
Il fidanzato è stato fermato ieri sera con l'accusa di omicidio e avrebbe già confessato:un altro omicidio, con tutta probabilità per movente passionale
 L'uomo aveva precedenti per lesioni e minaccia ed era già stato fermato due mesi fa per aver picchiato la fidanzata, salvata allora dall'intervento dei vicini di casa.
Un delinquente a piede libero , libero di uccidere.

TROPPI FURTI -I CITTADINI PRONTI ALLO SCIOPERO FISCALE


MARTELLAGO -( VENEZIA ) I residenti di Martellago bersagliati dai furti in abitazione minacciano lo sciopero fiscale nei confronti del Comune, "reo" di trascurare l'illuminazione pubblica che favorirebbe le scorribande della criminalità.
A far scattare la protesta su Facebook è l'ennesimo caso verificatosi l'altra sera in via Frassinelli, con il furto da un furgone parcheggiato per strada di un computer portatile, documenti da lavoro e un portafoglio. Poche sere prima era stata svuotata la casa di un professionista nonostante si fosse azionato il sistema d'allarme. I residenti, esasperati, non hanno escluso una protesta davanti al municipio per sollecitare un migliore presidio del territorio, minacciando lo sciopero fiscale.
( Da Il gazzettino )

UNO AL GIORNO -DOV'E' L'ASTRONAVE ?

Creatura mai vista prima (EsteNews)

Un pescatore ha tirato a riva un animale marino con oltre 100 tentacoli : uno scherzo della natura o un alieno ?

DIVORZIA AD 80 ANNI : " FINALMENTE LIBERO "

Divorzia a 80 anni: "Voglio morire da uomo libero"

Una separazione “serena”, che durava ormai da ben venti anni.Sempre sotto lo stesso tetto. Con qualche accortezza, però. Perché lacasa era stata divisa in due parti: primo piano e mansarda per lei, piano terra tutto per lui. Proprio per evitare traumi ai due figli. Ma una volta raggiunto il traguardo degli ottanta anni, ecco che un bel giorno il nostro protagonista lancia una frase che ha l’effetto di un macigno per la moglie. Eccola: “Voglio morire da uomo libero”.
“L’effetto diretto è quello che, riacquistando la libertà di stato, ci si può risposare

domenica 19 ottobre 2014

LAURA BOLDRINI ALLA MARCIA DELLA PACE INCONTRA I LAVORATORI DELLE ACCIAIERIE

Risultati immagini per laura boldrini

PERUGIA -Layra Boldrini era presente alla Marcia della Pace ed ha dichiarato, tra l'altro che " LA PACE E' UN BENE ASSOLUTO " .Inoltre la presidente della camera ha incontrato i dipendenti delle acciaierie di Terni
Infatti  I lavoratori della Tk-Ast hanno chiesto di poter palare, per ricordare che «quella dell’Ast è una vertenza che deve essere presa per mano dal governo. Ringraziamo per averci dato la possibilità di avere visibilità – ha detto uno di loro – per poter così rafforzare la nostra battaglia che ci vede impegnati a mantenere il sito dell’Ast come strategico per le politiche industriali».
Boldrini La presidente della Camera non si è tirata indietro e dopo essere arrivata ad Assisi, una volta aver appreso della presenza della delegazione degli operai, ha voluto parlare con loro.
Secondo la presidente della Camera «è evidente che la situazione deve essere al centro dell’agenda di tutti, non solo del ministro competente, ma di tutte le istituzioni, perché c’è da capire che politiche industriali questo Paese vuole fare e la vicenda va oltre una semplice e unica azienda”. Gli operai, dopo aver ringraziato la presidente hanno detto che «la città vive su questo e per questo».
Laura Boldrini li ha salutati, «Cercherò di fare quello che posso, non buttatevi giù», la risposta dei lavoratori è stata ferma: «Presidente, noi resistiamo. Siamo d’acciaio. Inossidabile e speciale».

Sindaco di Genova contestato ...a Courmayeur

Il sindaco Marco Doria

Courmayeur - «Ma lei è il sindaco di Genova? E cosa ci fa qui, mentre la sua città soffre le conseguenze dell’alluvione? Non si vergogna?». La scena si svolge nella sala del ristorante “Cadran Solaire” uno dei più famosi e frequentati di Courmayeur. A suscitare l’indignazione di una delle clienti del locale è il sindaco Marco Doria, che sta tranquillamente cenando con moglie e figli. Succede ieri sera intorno alle nove.
Al di là dei toni resta da chiedersi se sia davvero opportuno, per il sindaco di Genova, non restare nella sua città a una settimana dall’alluvione. Un’alluvione che, per di più, l’aveva colto di sorpresa. A teatro.( da Il secolo XIX )

Dopo la figura di Burlando ecco  Doria .

RIMPROVERA L'ALUNNA PER CELLULARE ;IL PADRE PICCHIA IL PROFESSORE !



 ACICATENA (CATANIA),  - Un insegnante di educazione fisica di una media di Acicatena è stato picchiato dal padre di un'alunna perché 'colpevole' di avere rimproverato la figlia per l'uso del cellulare in palestra. L'insegnante avrebbe invitato l'alunna a spegnere il cellulare, ma lei avrebbe continuato a parlare col giovane e per convincere il prof a desistere, la ragazza gli avrebbe passato il fidanzato, che avrebbe minacciato di ritorsioni l'insegnante. Il prof è stato medicato in ospedale.

IL PRESTIGIATORE

( da VN )

Si è fatto pubblicità elettorale con gli 80 euro per qualcuno e ci siamo ritrovati la TASI...
Ecco un altro colpo di genio .



PALERMO -TORNA L'ORA ...ONLINE

1904161_547046008761194_943729624485897696_n

PALERMO, 18 ottobre 2014.  Da lunedì prossimo sarà on linewww.loraquotidiano.it, un quotidiano digitale generalista,diretto da Vittorio Corradino, Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza, affiancati da uno staff di giornalisti con alle spalle anni di cronaca sul campo.   Loraquotidiano.it - dice una nota - intende raccontare la Sicilia giorno per giorno, con un'attenzione particolare su Palermo, recuperando la tradizione artigianale dello storico quotidiano del pomeriggio, pilastro dell'informazione civile e antimafia del giornalismo italiano. Le inchieste giudiziarie più scottanti, i retroscena dei Palazzi del potere politico e di quello economico, le alchimie e i paradossi di una terra che mai come oggi è un laboratorio in continua evoluzione: tutto questo sarà sulle pagine de loraquotidiano.it, ma anche sul magazine bimestrale cartaceo, che ospiterà approfondimenti e inchieste. Contemporaneamente, continua la nota, tornano in edicola I Quaderni de L'Ora: il numero 11 è dedicato all'imminente deposizione del Presidente Giorgio Napolitano al processo sulla Trattativa Stato mafia, con interventi di Alfonso Giordano, presidente del Maxi Processo, dell'ex pm Antonio Ingroia, un sondaggio tra i 90 deputati dell'Ars e con "Squilla il telefono", inedito teatrale di Giulio Cavalli, sull'inchiesta Stato-mafia della procura di Palermo.(ANSA).

A VARESE



Postato da Marco Giovannelli

FEMMINICIDIO -ACCOLTELLA LA DONNA CHE LO RESPINGE !



 Lui 74 anni, lei 40 .   L’ha aspettata sotto casa, chiuso dentro l'auto. Quando l’ha vista arrivare, verso le dieci di sera, ha aspettato che aprisse il cancello e a quel punto ha colpito. Due coltellate. La prima sotto il seno, l’altra sotto l’ascella. Con un coltello a scatto lungo 16 centimetri.
La donna ha cercato di reagire urlando . Sono intervenuti i condomini che hanno rilevato anche il numero di targa dell'auto con cui l'uomo è fuggito .
Rintracciato e arrestato 

PICCOLI IMPRENDITORI SUICIDI PER LA CRISI

GAZZO (PADOVA) - Un imprenditore di 65 anni si è tolto la vita nella sua azienda agricola tagliandosi la gola.
Un lutto familiare e qualche problema economico sarebbero le concause che hanno portato l'uomo ad un profondo stato di prostrazione, fino alla tragica decisione.
Pochi giorni fa in Veneto, a Chiuppano (Vicenza), una donna serba di 57 anni, in difficoltà con la sua impresa di pulizie, si era suicidata con le stesse modalità, tagliandosi la gola nella propria auto, parcheggiata davanti alla sede del Comune. 

MORTO SUL LAVORO A MACERATA

Risultati immagini per IMPALCATURA

MONTECOSARO ( Macerata )- È morto questa mattina l'operaio che lunedì scorso era caduto da una impalcatura in un cantiere a Montecosaro. Petre Laurentiun, romeno di 44 anni, era apparso fin da subito in condizioni gravi, tanto che era stato elitrasportato all'ospedale regionale Torrette di Ancona. il Il  tragico epilogo, dopo un peggioramento delle sue condizioni.