venerdì 26 agosto 2016

VIGILE LIGURE ARROTONDAVA RUBANDO I SOLDI DEL PARCOMETRO !



La Spezia -Un agente della polizia municipale di Monterosso al mare, nelle Cinque Terre, è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo investigativo della Spezia perché ritenuto responsabile del furto di circa 3 mila euro dalle macchinette dei parcometri della località turistica.
Il vigile è stato scoperto proprio dal suo comandante, che aveva avviato le indagini e che l’ha riconosciuto grazie alle videocamere di sorveglianza. L’uomo, che ha 53 anni, è stato messo agli arresti domiciliari. Durante la perquisizione del suo appartamento i carabinieri hanno rinvenuto la chiave usata per aprire e richiudere i parcometri dopo il furto.

-OSPEDALI NON A PROVA DI TERREMOTO - OMS BACCHETTA L'ITALIA



Per quanto riguarda i rischi del post terremoto l'OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità ) ha preparato linee guida generali .

Il documento ricorda che tra i pericoli che corrono i superstiti ci sono anche complicazioni di gravidanze e parti per l'assenza di strutture di emergenza adeguate, problemi psicosociali e possibili contaminazioni chimiche o dovute a radiazioni che possono essere causate dal cedimento di impianti industriali. Fra le linee guida pubblicate c'è anche quella sulla sicurezza degli ospedali e delle strutture sanitarie. 

"Il prezzo che si paga per il collasso degli ospedali e delle strutture sanitarie in seguito ai disastri è troppo alto - si legge -, soprattutto se confrontato con quello necessario a metterli in sicurezza prima degli eventi. Noi incoraggiamo i paesi ad usare gli strumenti a disposizione per la verifica della sicurezza degli ospedali e ad allocare risorse adeguate per quelli più a rischio". 

TERREMOTO " SAVE THE CHILDREN " CI SCRIVE

Una sostenitrice del sostegno a distanza di Save the Children va a trovare il bambino che ha sostenuto e la sua comunità

Gentile  Signor Bagaglio,
volevo informarla che proprio mentre le sto scrivendo parte del nostro staff sta lavorando senza sosta nelle aree principalmente colpite dal terremoto.
In seguito al violento sisma che la notte tra il 23 e il 24 agosto ha colpito vaste aree del Centro Italia, Il Dipartimento Emergenze dell’Organizzazione si è immediatamente messo a disposizione della Protezione Civile, mobilitando le risorse e il personale per prestare l’aiuto necessario in collaborazione con la Regione Lazio.
Da questa mattina è dunque operativo un primo Spazio a Misura di Bambino ad Amatrice e stiamo valutando la possibilità di aprirne altri nei paesi più gravemente danneggiati.
Come il nostro Direttore Valerio Neri ci ricorda “Il nostro obiettivo è quello di creare uno spazio sicuro dove bambini e ragazzi, con educatori appositamente formati, possano sentirsi protetti e ricevere supporto fin dai momenti immediatamente successivi a questo tragico evento. Attraverso lo svolgimento di attività socio-educative, infatti, i bambini possono essere aiutati a recuperare al più presto un senso di normalità che hanno perso in seguito all’evento sismico e ad elaborare il trauma subito”.
Sono certa le farà piacere sapere che anche in questa occasione stiamo facendo del nostro meglio per essere al fianco delle centinaia di bambini e famiglie coinvolti in questa drammatica situazione.

Grazie sin da ora per quanto potrà fare insieme a noi.
Un caro saluto,
Alessandra Lombardo

P.S. Se preferisce, potrà inviare la sua donazione direttamente a Save the Children mediante:
CC bancario: Banca Pop. Etica, Iban IT60N0501803200000000118400 
intestato a Save the Children Italia Onlus – Via Volturno 58 – 00185 Roma
Causale: Terremoto Centro Italia
Alessandra Lombardo| Responsabile Partners for Children |Save the Children Italia Onlus - Via Volturno 58, 00185 Roma  |Tel. + 39 06 48070073 - fax +39 06 48070039alessandra.lombardo@savethechildren.org www.savethechildren.it | Facebook | Twitter | Google+
5 PER MILLE: LA TUA FIRMA PUÒ CAMBIARE IL MONDO
Destinare il 5 per mille a Save the Children non ha nessun costo.
Segnati il nostro codice fiscale: 97227450158

Save the Children dal 1919 lotta per salvare la vita dei bambini e per promuovere i loro diritti.

TETTI DI CEMENTO ARMATO ANTISISMICI : PAZZESCO !



etti di cemento armato costruiti su muri in pietra, non in grado di sostenerne il peso. Anche ad Accumoli, come era già successo in Abruzzo, esplode la polemica sulla validità delle norme antisismiche del passato, indicate tra le cause dei danni prodotti dal terremoto. "Questo è un paese nato nell'800 con case fatte di terra e sassi - denuncia Antonio, abitante di Accumoli che la notte del 23 agosto ha perso tutto, casa e parenti -. Quando ci fu il terremoto nell'86 la Regione ha finanziato i lavori dando permessi per fare i tetti in cemento armato. Una direttiva che fu poi revocata ma ormai il danno era fatto". In caso di terremoto, infatti, il tetto in cemento armato oscilla in un blocco unico, gravando sulla struttura sottostante che, se fatta di sassi, finisce per non reggerne il peso. "Quanti tetti di cemento armato sono stati fatti pesare sui muri di pietra?", si chiede Antonio indicando le case crollate intorno a lui come a dire: "la risposta è sotto i vostri occhi"

TERREMOTATI CONTRO RAZZISTI DECEREBRATI !





AMATRICE -La mia casa di #Amatrice è inagibile. Non è la mia prima casa quindi un posto dove andare ce l'ho.
Ma posso assicurare che a NESSUN amatriciano sentirete dire che bisogna cacciare gli immigrati dagli alberghi per metterci i terremotati.
Primo perché per chi ha vissuto un dramma così la solidarietà è un sentimento molto forte - specie se sei vivo solo grazie a chi ti ha aiutato. E uno che scappa dalla guerra lo senti un po' un tuo simile.
Secondo, perché a Amatrice era ospitato un gruppo di richiedenti asilo, a cui tutti si erano affezionati - sì, si possono percepire gli immigrati come parte della comunità. E perché l'altra notte erano anche loro a scavare, e perché anche qualcuno di loro sta sotto le macerie.
Quindi grazie lo stesso, e accoglienza per TUTTI quelli che ne hanno bisogno, senza 'noi' e 'loro'.( Francesco Spada )

LA TERRA TREMA ANCORA ,I MORTI ACCERTATI SINO AD ORA SONO 268

Pescara del Tronto

Nuove scosse nella notte tra Umbria, Lazio e Marche. La più forte, registrata dall'Ingv questa mattina alle 6.28 sempre nella zona di Rieti già colpita duramente dal sisma del 24 agosto, ha avuto una magnitudo 4.8. La forte scossa avvertita ad Amatrice è avvenuta a una profondità di 11 km. Altre scosse di magnitudo inferiore continuano ad essere registrate anche questa mattina. Si registrano altri piccoli crolli ma nessun ferito.
Intanto il dato ufficiale, temporaneo, delle vittime è salito a 268.
I feriti al momento 387. La protezione civile ha confermato che il dato delle vittime potrebbe salire visto il numero dei dispersi ancora molto elevato. 

TERREMOTO SUL GIORNALE LOCALE DELLA PROVINCIA DI VARESE

Sisma: Amatrice, estratto il corpo di una donna (ANSA)
Stamattina il giornale LA PREALPINA titolava in prima pagina a 7 colonne : " NON SERVONO ALIMENTI O VESTITI " .
Nelle pagine interne però riportava le varie iniziative di comuni, associazioni che davano indicazioni di dove i cittadini avrebbero dovuto portare alimenti e vesti
ti . Una contraddizione che disorienta i cittadini .
Ribadiamo che Il Dipartimento nazionale di Protezione Civile ha comunicato che al momento nelle zone colpite dal terremoto non vi è necessità di generi alimentari o di indumenti e che il loro invio potrebbe creare problemi di carattere organizzativo.
Per questo motivo Provincia di Varese ha invitato tutti i Comuni ad indirizzare le tante associazioni e i tanti privati, che in queste ore si sono messi generosamente a disposizione, verso iniziative di raccolta fondi da destinare alle popolazioni colpite dal sisma.
Come già comunicato MERCALLO PER... farà la sua parte .
L'esperienza fatta con i sindaci dell'Emilia in occasione dello sciagurato terremoto ha destato l'attenzione di due primi cittadini del varesotto .

LA PREVENZIONE ANTISISMICA DEL GOVERNO PINOCCHIETTO

© EPA

Proprio in questi giorni, il Governo, in particolare il Ministro Del Rio, tornava ad invocare flessibilità all'Unione Europea per sbloccare investimenti in opere pubbliche. E presentava l'elenco: strade, autostrade, autostrade, strade.
Niente trasporto sostenibile, niente protezione del territorio.
Il momento di unità e solidarietà nazionale è prezioso e dimostra le risorse morali di questo popolo, che si sta mobilitando in una gara di partecipazione che ci fa onore.

I costi solamente per la ricostruzione (senza contare i danni al patrimonio artistico e culturale e le perdite umane) degli ultimi 50 anni di terremoti vengono stimati tra i 120 e i 150 miliardi di euro (stime del Consiglio Nazionale degli Ingegneri e di due ricercatori). I costi per la totale messa in sicurezza del territorio sono stimati tra i 25 e i 40 miliardi di euro (Direttore Protezione Civile Bertolaso e Ministro Ambiente Clini), quindi tra un terzo e un quarto di quelli che ci sono voluti per ricostruire.
Proprio ieri, l’ex ministro dell’Ambiente Corrado Clini ha dichiarato: "Nel 2012 presentai un piano da 40 miliardi per la prevenzione, oltre all'assicurazione obbligatoria per il rischio sismico. Non se ne fece nulla, ma quegli interventi sono la grande opera di cui abbiamo bisogno".
L'edilizia naturale, offre soluzioni innovative, antisismiche, antiincendio, a risparmio energetico, le case con anima in legno e in canapa, ad esempio, che andrebbero fatte conoscere e incentivate.( Da Mauro Romanelli che condividiamo ).


Ricordiamo che le lobby delle slot , che guadagnano decine di miliardi ogni anno, avrebbero dovuto pagare ,per truffa , una multa di 98 miliardi - Non gli è stata fatta pagare .

PAPERE ECOLOGICHE

 Papere viticole

Due volte al giorno, nelle vigne di Vergenoegd, in Sudafrica, 1000 papere vengono lasciate libere per nutrirsi di lumache e parassiti. Funziona: negli ultimi l'azienda ha ridotto sensibilmente l'uso di pesticidi.
E in onore delle papere pulitrici è stato intitolato loro un nuovo vino: "Runner duck".

TERREMOTO E MEDICI _UN'ORA DI LAVORO A SOSTEGNO DELLE PERSONE COLPITE

Risultati immagini per MEDICO

L'Anaao Assomed esprime solidarietà e vicinanza alle popolazioni colpite dal sisma di ieri e a tutti i colleghi che in queste ore, con il loro straordinario lavoro, stanno garantendo il massimo impegno nelle opere di soccorso. E chiama i medici e i dirigenti sanitari del Ssn, a partire dai propri iscritti, a devolvere 1 ora di lavoro a sostegno delle necessità sanitarie, di persone e strutture, nelle aree colpite.
 
“Il crollo d'interi pezzi di ospedali denuncia, però, la necessità che, una volta superata la fase di emergenza, si dia priorità alla messa in sicurezza delle strutture ospedaliere"

TERREMOTO -ARRESTATO SCIACALLO ARRIVATO DA NAPOLI

Vigili del Fuoco a lavoro tra le macerie ad Arquata (ANSA)

Primo arresto per sciacallaggio ad Amatrice. A eseguirlo i carabinieri del comando provinciale di Rieti che hanno messo le manette ai polsi di un 45enne napoletano, sorpreso oggi pomeriggio nella frazione Retrosi mentre tentava di forzare con un cacciavite la serratura di un'abitazione disabitata.
I militari sono però riusciti a immobilizzarlo e ad ammanettarlo: dopo averlo disarmato, lo hanno accuratamente perquisito trovandogli nella tasca dei pantaloni, un biglietto ferroviario datato 24 agosto 2016 e relativo alla tratta Napoli-Roma, confermando l'ipotesi che fosse giunto sul luogo del sisma con l'intento di far razzie all'interno delle abitazione abbandonate .

giovedì 25 agosto 2016

UN EURO PER RINASCERE

Consorzio Parmigiano, 1 euro donato per ogni kg venduto

Per ogni kg. di formaggio venduto negli spacci aziendali fino al 31 dicembre 2016, un euro sarà destinato ai paesi colpiti dal sisma. Operazione solidale simile a quella del 2012, quando il terremoto colpì anche 37 caseifici con oltre 100 milioni di danni. Il presidente Bezzi: "siamo rinati grazie a tanti e vogliamo aiutare a rinascere". Il Consorzio e i caseifici del Parmigiano Reggiano si mobilitano a favore delle popolazioni dell'Italia centrale colpite dal terremoto del 24 agosto.

Dopo l'immediato invio (avvenuto ieri) di prodotto da utilizzare nelle mense allestite dalla Protezione Civile, numerosi caseifici, infatti, hanno già aderito alla proposta dell'Ente di tutela di destinare ai terremotati un euro per ogni chilogrammo di Parmigiano Reggiano venduto negli spacci aziendali.
L'intervento, denominato "Un euro per rinascere", si protrarrà fino al 31 dicembre prossimo e, seppure con una diversa destinazione, replica l'operazione che nel 2012 consentì di raccogliere centinaia di miglia di euro a favore dei caseifici dell'Emilia e del mantovano colpiti dal doppio sisma del 20 e 29 maggio.

MORTO SUL LAVORO SCHIACCIATO DALLA RUSPA

Schiacciato dalla ruspa: operaio  ​muore dopo il ricovero in ospedale

FRASSINELLE POLESINE -( Rovigo ) Un operaio 61enne è morto in un incidente sul lavoro avvenuto in mattinata alla "Biopro", un'azienda agricola specializzata in concimi e fertilizzanti a Crevalcore, nel Bolognese. Dalla prima ricostruzione, l'uomo sarebbe rimasto schiacciato sotto una ruspa in movimento. Trasportato in gravi condizioni all'ospedale Maggiore di Bologna, è morto poco dopo il ricovero.

L'operaio era originario di Copparo, nel Ferrarese, e abitava a Frassinelle Polesine, in provincia di Rovigo.( Il Gazzettino )

TERREMOTO -" NON MANDATE CIBO O VESTITI,CONTRIBUITE CON SMS SOLIDALE "



La richiesta arriva dal Capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio. Aggiunge il sindaco di Amatrice: "Oltre alla solidarietà umana, e ce n’è tanta, c'è bisogno di contributi economici"

Chiedo di non inviare cibo né indumenti, non abbiamo carenze, il modo migliore di aiutare è l’sms solidale al 45500». A chiederlo è direttamente il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. La richiesta è stata diffusa nelle ultime ore, considerando la macchina degli aiuti che si è mossa in tutta Italia, anche in provincia di Varese.
Sulla stessa linea anche il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi: «A costo di essere sfacciato, voglio essere sincero. Di generi alimentari ne stanno arrivando tantissimi, c’è il rischio che il cibo vada sprecato e questo non deve accadere. In questo momento, oltre alla solidarietà umana, e ce n’è tanta, di contributi economici. Qui non c’è più niente. Bisogna pensare alla ricostruzione, ad Amatrice servono soldi, non c’è più un’attività commerciale, non c’è’ più niente. Servono soldi».
Dipartimento della Protezione Civile è stato attivato il numero 45500 per la raccolta di fondi attraverso l’invio di sms del costo di 2 euro.

FIRENZUOLA( FI ) :PIU' RICILCO , NIENTE DISCARICA



FIRENZUOLA -( FI ) La giunta di Firenzuola ha approvato una delibera che boccia il progetto di riapertura della discarica firenzuolina de “Il Pago”.
“La nostra amministrazione – dichiara il sindaco Claudio Scarpelli – è sempre stata contraria a qualsiasi ipotesi di ampliamento della discarica del Pago, ed era stato chiaramente indicato nel programma sottoposto agli elettori  già nel 2009″
In realzione all’argomento, dal ” Comitato per Firenzuola” riceviamo e pubblichiamo la seguente nota:
Venerdì 26 Agosto alle ore 21, si terrà a Firenzuola nella Sala Consiliare, un incontro pubblico organizzato dal Comitato Per Firenzuola con Rossano Ercolini, presidente di Rifiuti Zero Italia e vincitore nel 2013 del prestigioso Goldman Environmental Prize.
Grazie al suo impegno decennale ed ai risultati ottenuti durante l’amministrazione Del Ghingaro a Capannori (Lucca), Ercolini è da tempo riconosciuto come una personalità di rilievo internazionale in tema di politiche ambientali. Il tema è tornato in primo piano a Firenzuola, dopo la l’annuncio del possibile ampliamento della discarica “Il Pago”. L’impianto, situato in linea d’aria a soli 1,6 km dall’abitato, era stato chiuso nell’ottobre scorso, con l’esteso favore della popolazione.
L’incontro si inserisce in un insieme di iniziative promosse dal Comitato per Firenzuola per ribadire il “no” alla discarica, tra cui una raccolta firme e lo studio di osservazioni da portare in sede di Conferenza dei Servizi. Tuttavia, al di là dell’opposizione al singolo impianto, il problema della gestione dei rifiuti, necessita di risposte concrete. La serata di venerdì intende essere l’occasione per parlare di soluzioni alternative a discariche ed inceneritori.( OK Mugello )


VIVERI ED INDUMENTI RACCOLTI -CHE FARE ?

Terremoto in provincia di Ascoli: Arquata del Tronto devastata dal sisma

A poche ore dal tragico terremoto che ha colpito l’Italia centrale sono nate spontanee iniziative volte a cercare di alleviare ,per quanto possibile , i disagi delle persone sopravvissute al sisma .
Sono nati così , a volte spontaneamente, a volte sollecitati da amministrazioni comunali o da associazioni di volontariato, centri di raccolta di viveri di prima necessità ed indumenti di ogni tipo .
Questo generoso moto spontaneo ,privo però di collegamento con chi sul posto opera nella pratica , sta mostrando i limiti proprio della spontaneità . Infatti risulta che la Protezione Civile abbia attivato un numero ( 45500 ) per donare 2 euro via SMS o via telefono fisso ,ma non abbia mai fatto richiesta
di viveri .
E proprio  il capo della Protezione Pivile ha espressamente richiesto di NON INVIARE GENERI ALIMENTARI ED INDUMENTI ,mentre lo stesso sindaco di Amatrice ha dichiarato che necessitano soldi e non generi alimentari che rimarrebbero inutilizzati .
Che fare allora del materiale già raccolto ?
Esistono le mense della Caritas che ogni giorno approntano migliaia di pasti per italiani e migranti per cui sarebbe buona cosa convogliare presso le sue strutture ( od altre analoghe ) il materiale raccolto .

Sarebbe un aiuto straordinario per chi vive in emergenza 365 giorni all’anno ed il materiale raccolto andrebbe sicuramente utilizzato a fini benefici .

DONAZIONI PRO TERREMOTATI -CONSIDERAZIONI DI FRANCESCO LIPAROTI

I gruppi parlamentari di Camera e Senato di Sinistra Italiana-SEL hanno deciso di devolvere 1000 euro del loro stipendio a favore della protezione civile impegnata nel terremoto del centroitalia. Sono 42 quindi 42 mila euro. 
Sarebbe interessante che tutti i deputati(630) e senatori ( 315) ed i consiglieri regionali (1117) i ministri gli assessori regionali ed i presidenti di regione nonché presidenti del Consiglio e della Repubblica e tutti i rappresentanti delle istituzioni per es. I sindaci delle grandi città devolvessero 1000 euro a favore delle popolazioni terremotate. Si tratta di circa 2500 persone per 1000 euro sono 2 milioni e 500mila euro.

PIL ITALIA II TRIMESTRE = ZERO !


Roma - Il Pil dei paesi Ocse rallenta al +0,3% congiunturale nel secondo trimestre dal +0,4% dei precedenti tre mesi, mentre in Italia l'economia frena su base trimestrale a quota zero da +0,3. E' quanto emerge dai dati dell'istituto parigino che raggruppa ai paesi piu' avanzati. Anche la crescita dell'Eurozona arretra da +0,6% a +0,3%, mentre l'Unione europea rallenta da +0,5% a +0,4%. In frenata anche Germania e Francia che passano da +0,7% a, rispettivamente, +0,4% e quota zero. Crescono invece gli Usa, che passano da +0,2% a +0,3%, mentre perde colpi il Giappone il cui Pil si contrae, passando da +0,5% a quota zero. Su base tendenziale i paesi dell'area Ocse rallentano da +1,7% a +1,6% nel secondo trimestre. L'Italia frena da +1% a +0,7%. Frena da +1,7% a +1,6% l'Eurozona e resta stabile a +1,8% l'Ue. In rialzo la Francia da +1,3% a +1,4% e giu' la Germania da +1,8% a +1,7. In calo anche gli gli Usa da +1,6% a +1,2%, mentre il Giappone avanza da +0,1% a +0,6%. (AGI)

ENRICO MENTANA : SOLIDARIETA'

Risultati immagini per enrico mentana

Allora, vediamo di essere molto chiari. La solidarietà non è un obbligo, ma il suo contrario. È uno slancio, un gesto di vicinanza e di orgoglio comunitario, un atto di amore per il prossimo. Non è una tassa. Quindi, cari odiatori di professione, care iene da tastiera, cari scettici in servizio permanente effettivo, cari dietrologi a 360 gradi, state tutti tranquilli: non c'è problema, non ci sarà il vostro aiuto, amen. Ma non permettetevi di mettere in dubbio né la buona fede di chi mette la faccia su una raccolta di solidarietà, né la solidità degli obiettivi, né il buon fine delle donazioni. È da ormai vent'anni che assolvo a quest'impegno insieme al Corriere: in giro per l'Italia, dall'Umbria alle Marche, da San Giuliano di Puglia al Friuli, dalla Sardegna alle Cinque Terre, fino alla scuola di Cavezzo in Emilia inaugurata due anni dopo il terremoto del 2012 trovate i risultati delle nostre raccolte di solidarietà. Sempre d'intesa con le comunità e senza disperdere un euro. Scrivo tutto questo per rispetto dei tanti che hanno donato in tutti questi anni e continuano a donare in questi giorni, ringraziandoli sempre: perché ci danno l'esempio silenzioso e appunto disinteressato di un'Italia normale, buona, migliore.

TERREMOTO -PROTEZIONE CIVILE

© ANSA

Al termine della conferenza stampa trasmessa in diretta da Rai news 24 la responsabile della protezione civile ha ribadito di NON INVIARE VIVERI E INDUMENTI -Al momento non necessitano -Il loro invio creerebbe problemi .
Il sindaco di Amatrice ha ribadito lo stesso concetto .