martedì 11 maggio 2021

POCHE DONNE AI VERTICI DELLA SANITA' ...( ED AI VERTICI INDUSTRIALI )

 



Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità nel settore sanitario le donne rappresentano il 70% della forza lavoro, tuttavia solo il 25% di esse occupa posizioni di leadership nel settore.

Nella prima fase della pandemia, le donne hanno ricoperto un ruolo fondamentale, riconosciuto anche dal Governo, ma nonostante questo, sono state quasi totalmente assenti nella gestione a livelli istituzionali di vertice dell’emergenza Covid-19.

 Quando è stato affermato che non erano state inserite nel comitato tecnico scientifico perché “non aveva trovato donne con incarichi rilevanti” è stato evidente che non basta la competenza femminile in sé per avere posizioni di leadership: bisogna verificare cosa non funziona nei meccanismi di nomina del management sanitario.

 Un problema che risulta trasversale nel pubblico e nel privato, negli ospedali e nelle aziende. Per questo è nata LEADS -Donne Leader in Sanità con l’obiettivo di favorire il superamento delle disuguaglianze uomo – donna, in particolare per garantire la parità di genere nell’accesso ai più elevati gradi delle carriere e promuovere la presenza paritaria delle donne nelle posizioni di vertice delle organizzazioni pubbliche e private operanti nella Sanità. 

Nessun commento:

Posta un commento

LASCIA UN TUO COMMENTO